Sei un addetto stampa o un rivenditore Airoh?

Iscriviti all’area riservata per avere sempre il materiale di cui hai bisogno.

unnamed
Letto 281 volte

Una gara nel fango al WESS di Gotland

I nostri piloti hanno cavalcato le loro moto su un mare di fango, una gara sporca per grandi piloti

Il Gotland grand National è conosciuto per essere un terreno arduo e scivoloso e la pioggia della notte precedente ha reso il tracciato un vero bagno di fango. I 22 km da percorrere sono stati una vera sfida per tutti i piloti e la temperatura vicina agli 0 gradi ha reso il tutto ancor più complicato.

Il nostro Taddy Blazusiak corre il suo primo Gotland Grand National e fa unan buona partenza che gli ha permesso di divincolarsi da un gran numero di piloti. Ha spinto molto per arrivare tra i leader della gara. Un paio di errori dovuti all’inesperienza gli hanno dato del filo da torcere ma ha lottato duro e con il suo passo ha raggiunto la quarta posizione. I 690 punti che h aguadagnato lo hanno portato al quarto posto anche della classifica del WESS con ancora un Round rimanente.

Taddy Blazusiak:sono contento del quarto posto soprattuto essendo questa la mia prima gara qui e abbiamo avuto davvero poco tempo per prepararci ad una gara simile. (…) questo è un evento speciale hai bisogno del guisto set-up e senza la necesssaria esperienza è difficile trovarlo. Ci aspettavamo un tracciato asciutto, giusto un po’ fangoso ma mai ci saremmo aspettati un bagno di fango. Due piccoli errori mi sono costati del tempo e non sono riuscito ad aggiudicarmi il podio. Il quarto posto mi ha dato dei punti per il campionato (…).

Dopo la sua vittoria a Hawkstone Park Josep Garcia è arrivato dalla Svezia con la fiducia alta e alla ricerca di un altro risultato importante. È partito molto bene ma un paio di incidenti lo hanno costretto a lottare tra i piloti e un tracciato impraticabile. Arriva alla fine al 12mo posto.

Josep garcia:Tutto sommato sono contento, ma avrei preferito aggiudicarmim una posizione migliore. La partenza è stata buona ma il contatto con un altro pilota mi ha fatto perdere posizioni che ho poi dovuto recuperare. Nathan e io abbiamo corso insieme per un po’ ed è andata bene, abbiamo spinto e siamo riusciti a recuperare molto tempo. Sfortunatamente ho avuto un altro incidente che ha danneggiato la moto così ho pensato solo ad arrivare alla fine. È stata una gara fredda e molto ardua in quelle condizioni per 3 ore, ma ho guadagnato un po’ di punti per il campionato e ora guardo al prossimo round olandese.
 

Billy Bolt ha invece lottato duramente per aggiudicarsi la 13ma posizione nel raound. Ora è in testa al campionato e punta a vincerlo nel prossimo round. 

Il compagno di team Nathan Watson ha sofferto il precoce incidente che gli ha causato una caduta. Ma è tornato in sella per lottare e ha spinto molto nella seconda metà della gara. Il pilota inglese ha sconfitto freddo e fango per concludere la gara 15mo. Il suo risultato l’ha portato al sesto posto nella classifica WESS e questa è stata la gara più ardua della stagione.

Nathan Watson: È stata davvero una gara dura, faceva così freddo che sembrava non finire più. Ho iniziato bene ma un contatto con un altro pilota mi ha fatto perdere tempo sin dall’inizio della gara. È stato difficile recuperare soprattutto in quelle condizioni. (il giorno precedente la gara)il terreno era asciutto ma durante la notte il tempo è cambiato e non smetteva di piovere. C’era così tanta acqua sul tracciato che non c’era alternativa che finire ricoperti di fango e acqua tutto il tempo. Tutto sommato sono felice di come sia andata la gara, e sto già pensando a tornare sulla sabbia per il round finale sperando di finire la stagione in alto!
 

ph credits: ktm.com

Redazione Airoh
Autore Redazione Airoh
lascia un commento